mercoledì 12 aprile 2017

[Notizia] Il massacro voluto da Dio

Polittico dell'Agnello Mistico (fratelli van Eyck)
Si avvicina la Pasqua cristiana e, come faccio da qualche anno sui canali che frequento o gestisco in tale periodo, m schiero dalla parte dei cuccioli e, di conseguenza contro la Chiesa. Sono per la pena di morte per chi maltratta o commette abusi su un bambino, sono altrettanto cattivo verso chi si ostina a strumentalizzare la Pasqua per mangiarsi un cucciolo di pecora.
Se l'anno scorso, poco prima della nascita del mio broadcast su Whatsapp, mi limitai a condividere un'immagine, ricevendo risposte spesso puerili se non fastidiose ("Chi alleva pecora apposta da generazioni, allora, che dovrebbe fare?" - "Mettersi una svastica al braccio e continuare con più trasparenza!" avrei dovuto rispondere...). Quest'anno provo ad andare più a fondo nella questione. Innanzi tutto, propongo il testo ufficiale (chiamasi Bibbia, nello specifico, libro Esodo) dove, con fare tutt'altro che di uno che regna in Paradiso, Dio direbbe, attraverso il profeta di turno...

"Il Signore disse a Mosè e ad Aronne nel paese d'Egitto: [...] Il dieci di questo mese ciascuno si procuri un agnello per famiglia, un agnello per casa. [...] Il vostro agnello sia senza difetto, maschio, nato nell'anno; potrete sceglierlo tra le pecore o tra le capre e lo custodirete fino al quattordici di questo mese: allora tutta l'assemblea della comunità d'Israele lo immolerà [...]. Preso un po' del suo sangue, lo porranno sui due stipiti e sull'architrave delle case, in cui lo dovranno mangiare. In quella notte ne mangeranno la carne arrostita al fuoco, la mangeranno con azzimi ed erbe amare. Non lo mangerete crudo, né bollito nell'acqua, ma solo arrostito al fuoco con la testa, le gambe e le viscere. Non ne dovete far avanzare fino al mattino: quello che al mattino sarà avanzato lo brucerete nel fuoco. Ecco in qual modo mangerete: con i fianchi cinti, i sandali ai piedi, il bastone in mano; lo mangerete in fretta. È la pasqua del Signore! In quella notte io passerò nel paese d'Egitto e colpirò ogni primogenito nel paese d'Egitto, uomo o bestia; così farò giustizia di tutti gli dei dell'Egitto. Io sono il Signore! Il sangue sulle vostre case sarà il segno che voi siete dentro. [...] Questo giorno sarà per voi un memoriale; lo celebrerete come festa del Signore: di generazione in generazione, lo celebrerete con un rito perenne."

Non so che ne pensate voi, ma io un dio così non ambisco a raggiungerlo dopo essere morto!
Dopo due millenni, si è arrivati a una situazione che "Animal Equality" è riuscita a documentare con un video che propongo integralmente, avvisando che i contenuti violenti sono la normale evoluzione di un testo considerato sacro.


Nessun commento:

Posta un commento