giovedì 8 marzo 2018

[Petizione] Il lato nascosto delle Assicurazioni Generali

Greenpeace ha svelato il lato nascosto di Generali, la compagnia assicurativa numero 1 in Italia.
Generali infatti sta fornendo copertura assicurativa e finanziando alcune centrali e miniere di carbone in Polonia che sono tra le più inquinanti d'Europa.
Investimenti e polizze assicurative per una tecnologia vecchia e distruttiva: non è questo che ci aspettavamo da una compagnia che nei suoi slogan afferma di voler "costruire per le persone le migliori soluzioni di protezione"!

Alcune tra le centrali e miniere polacche a cui Generali fornisce copertura assicurativa sono Kozienice, secondo impianto più grande d'Europa; Turow, che si calcola inquini l’acqua potabile di 30mila persone e Opole, che raddoppierà la produzione, nonostante già emetta oltre 5 milioni di tonnellate di CO2 l’anno. 
L'uso del carbone è strettamente collegato ai cambiamenti climatici, ovvero ad alluvioni, siccità, tifoni e disastri naturali. Quegli stessi disastri contro cui Generali vuole assicurare i suoi clienti. È un terribile controsenso? SI, è la regola del profitto a ogni costo!
Generali deve smettere senza alcuna eccezione di finanziare e fornire copertura assicurativa al settore del carbone, che è tra i più inquinanti al mondo.

FIRMA LA PETIZIONE: chiedi Generali di non assicurare più centrali e miniere a carbone.

4 commenti:

  1. Ci staranno a sentire? Non so, sono sempre scettico.
    Però è bene che se ne parli... Si potrebbe far chiudere quelle fabbriche da terzo mondo, ma quanti resterebbero senza lavoro? È tutta una catena...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualche successo Greenpeace lo ottiene, quanto meno apre gli occhi alla gente sensibile che smette di acquistare un certo prodotto se, direttamente o meno, nuoce al pianeta.

      Sulla perdita del lavoro: anche una squadra di manovali sostituita da un solo operatore che guida un robot perde il lavoro, ma in tal caso lo chiamiamo "progresso" (io parlo invece di "crescita infelice").
      Mi pare poi un po' egoistico che per fare campare un centinaio di famiglie (che siano polacche, italiane, bengalesi,...) occorra inquinare l'intero pianeta. Quelle fabbriche possono sempre essere convertite in altre e conservare l'intero staff di dipendenti.

      Elimina
  2. Grazie infinite, chiedo ai miei fratelli di firmare subito!
    (io non posso perché sono ancora minorenne).

    RispondiElimina