domenica 11 febbraio 2018

[Musica] Concerto per un cane (H. Pagani)

Confesso che nemmeno avevo mai sentito nominare Herbert Pagani quando un'amica del broadcast Whatsapp che mi ha ispirato questo blog mi ha inviato il link della canzone che propongo. Un artista originario di Tripoli che, dopo l'espulsione degli ebrei dalla Libia, è stato anche in Italia svolgendo tra gli altri il mestiere di cantautore.
Quella che propongo è, forse, la più bella canzone sui cani e, nonostante ci siano delle immagini ad accompagnare la musica, ne suggerisco l'ascolto a occhi chiusi, poiché è qualcosa di molto particolare, quasi un radiodramma...
Concerto per un cane

Era stata una giornata tutta no
e una notte da buttarsi giù da un ponte
Ero solo che più solo non si può
e un’idea mi scavava un tunnel nella fronte.
Nell’alba verde un sole in avaria
seguiva l’auto in corsa lungo un prato fuori porta,
dopo i due cavalcavia vedo
il posto di cui mi avevano parlato!
Una villa in abbandono un cancello sgangherato fermo l’auto, tiro il fiato e suono.
Bisogna avere del nervi d’acciaio
essere killer o sordi o dementi
bisogna avere vissuto a Dachau
per non crepare quando li senti…
Erano in mille schiumanti di rabbia
In un inferno di ferro e fetore
ognuno urlava Incollato alla gabbia:
prendi me
no, prendi me, no prendi me, me, mel
Quello là, nero, con tutto quel pelo, quanto costa?
– Stesso prezzo per tutti. 5000 più le tasse.
E’ maschio o femmina?
Maschio ! Sono 5000 più le tasse.
Ce lo fa un piccolo dono per gli orfanelli del canile?
– Tenga.
– Grazie da parte di tutti i nostri amici a quattro zampe !
Portate fuori Il 4723!
Ed eccoci di fuori
In mezzo al vento sei sporco e puzzi
peggio di un forzato
ma ci hai negli occhi tanto cioccolato
che mi sento come un cretino
e son contento!
Alla prima curva mi metti una zampa sulla mano
sei già co-pilota, un giorno ti porto in aeroplano
sei un vero artista se spingo sul clackson tu abbai,
un pastore-pop ma chi l’avrebbe detto mai!

6 commenti:

  1. Assolutamente non il mio genere... ma che canzone è? XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che canzone è l'ho scritto... È particolare, credo fosse così il repertorio di Pagani... Un po' De Andrè, un po' Gaetano, un po' Lolli...

      Elimina
  2. concerto nel vero senso della parola ��con diversi registri sonori
    e un testo che fa fatica a starci dietro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non a caso l'ho paragonato a un radiodramma.

      Elimina
  3. Pagani è uno dei cantanti che mi piacciono da morire, io adoro sia questa canzone che "Cin cin con gli occhiali" e anche le più famose come "Albergo a ore".
    Grande post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento che, mi pare, segna il tuo debutto nel mio blog! Quindi benvenuta! :)
      Pagani l'ho scoperto grazie a questa canzone, anche se "Albergo a ore" non mi è nuovo come titolo, quindi può darsi che conoscessi qualche sua canzone senza sapere che fosse lui...

      Elimina