mercoledì 26 febbraio 2020

[Finti e famosi] Ape Maia


Giunto in Italia nel 1979, il cartone dell'Ape Maia è tratto dai racconti "Le avventure di Ape Maia" e "Il popolo del cielo" dello scrittore tedesco Waldemar Bousels, e disegnato da Marty Murphy a partire dal 1975.


Ricca di contenuti educativi, Maia è un'ape le cui avventure sono dedicate a un pubblico di giovanissimi, i quali si possono immedesimare in lei che è curiosa, vivace, ama esplorare anche trasgredendo ai divieti imposti da Cassandra, la sua dolce "maestra".

Maia e Cassandra

Suo eterno compagno delle sempre divertenti avventure, è il fuco Willi, pigro sornione e un po' meno sveglio di Maia: assieme esplorano vari luoghi, incontrano tanti insetti, più o meno socievoli con loro (formiche, calabroni, ragni, ...), e il più delle volte sono controllati e consigliati dalla saggia cavalletta Flip.
Dell'Ape Maia sono state prodotte due serie, con almeno tre sigle differenti, oltre a una serie in computer grafica.

Willi e Maia

Un cartone animato dalle puntate dinamiche al ritmo giusto, che oggi sarebbe ancora in grado di intrattenere, divertire e appassionare il pubblico più piccino.

18 commenti:

  1. Eccome se non me lo ricordo :) Le puntate le guardavo tutte! Ricordo che inserivano anche delle "nozioni" reali sugli insetti oltre a cose di fantasia, vedi il povero Scarabeo Stercorario che spingeva la sua palla stercoraria tutto il giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da questo punto di vista era anche "didattico", un po' come fecero vari anni dopo con quel cartone animato ambientato all'interno del corpo umano. 😊

      Elimina
  2. Un cartone davvero bellissimo, grande ape monella Maia. Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monella ma gioviale, non come Ape Magà (prossimamente su queste pagine pure lei...).

      Buona giornata a te.

      Elimina
  3. Forse ero già grandicello quando l’hanno trasmessa in Tv.
    Se è arrivata nel 79 in tv avevo dieci anni e ricordo che mi appassionavano di più invece le avventure di un ‘altra ape contemporanea a Maia , Maga’!
    L’ape Maga’ sigla compresa mi piaceva molto di più.
    Comunque Maia fa parte di quei cartoni che piacciono o hanno lasciato un segno a quelli della nostra generazione.
    Mia figlia ha visto le puntate più recenti , quelle in grafica digitale forse quando aveva sette otto anni ma sinceramente non saprei dirti quanto le son rimaste dentro le avventure della simpatica apetta.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì forse a una certa età appassiona di più Magà di Maia, ma come ho appena risposto sopra, ci sarà spazio anche per Magà qui, sebbene sia un fuco e non un'ape. 😉

      Elimina
  4. I fuchi hanno ragioni valide per essere tristi e poco svegli... poverini non sopravvivono all'accoppiamento :-(

    RispondiElimina
  5. Non era tra i miei preferiti: questo genere troppo classico mi sembrava noioso XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino tu l'abbia visto come cartone animato vintage... Visto all'epoca, a un'età di 5 o 6 anni, era addirittura avvincente vedere interagire tra loro insetti animati. Sinceramente mi sarebbe piaciuto di più se non fosse incentrato su Maia ma su una comunità di insetti differenti ed equamente protagonisti (tipo i Puffi, per capirci); forse per questo in seguito non ne ho mai seguito repliche.

      Elimina
    2. da piccolo guardavo "santo bugito", che aveva un po' quelle caratteristiche :-)
      https://it.m.wikipedia.org/wiki/Santo_Bugito

      Elimina
    3. Mai sentito né visto questo. 😨

      Elimina
  6. Nonostante sia parecchio antecedente alla mia nascita, l'ho vista ed apprezzata varie volte.
    Non so quale serie, però, ma la sigla faceva
    "Vola vola vola vola l'Ape Maia
    Gialla nera gialla nera gialla tanto gaia". O qualcosa del genere...
    Adesso la fanno in 3d, ma non piace nè a me e nè a Lorenzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sigle l'Ape Maia ne ha avute ben tre! Quella che citi tu è la più famosa, poi ce n'è una che mi innervosisce perché sembra costruita sul ronzio di una zanzara, "L'ape Maia va, curiosa e piccola...". Infine c'è la mia preferita, "L'ape Maia in concerto" ("Vola vola a casa l'ape Maia, dopo un viaggio nel Perù..."), che era di chiusura della seconda serie.

      Elimina
    2. era anche la mia sigla preferita, citava pure Cefalù ^_^

      Elimina
    3. Ha comprato il miele a Cefalù... 😀 Lei, un'ape... 🙄

      Elimina
  7. Certo che lo ricordo, sono nato nel 1975, erano i cartoni della mia infanzia.
    Serena notte.

    RispondiElimina