giovedì 27 gennaio 2022

[Ricetta] Riso al sughetto di tofu


Quella che presento oggi è la ricetta per un primo piatto che ha alcune varianti, dettate un po' dal gusto personale, un po' dal reperimento di uno degli ingredienti. In ogni caso è una pietanza dal sapore soddisfacente e sorprendente.

Ingredienti per due persone:
  • una vaschetta di tofu affumicato a cubetti o, in alternativa, un panetto di tofu al naturale + salsa di soia;
  • circa 120ml di salsa di pomodoro, oppure una decina di pomodori ciliegino;
  • mezza cipolla media;
  • 3 tazzine da caffè abbondanti di riso;
  • olio d'oliva;
  • sale;
  • curcuma e pepe (facoltativi);
  • acqua.
Se non si trova del tofu affumicato a cubetti, si può ricorrere a un panetto di tofu al naturale, che andrà tagliuzzato a cubetti dopo averlo scolato, aiutandosi con un tagliere o col fondo di un piatto. Più di qualcuno considera il tofu un "cibo insipido dei vegani", e in effetti al naturale è ben poco gustoso; per questo, in una padella piccola va versata della salsa di soia, quanta ne occorre a bagnare tutto il fondo uniformemente, mettendola poi su un fornello a fiamma bassa, per poi aggiungervi i cubetti di tofu, rigirandoli di tanto in tanto. Lo scopo è quello di fare assorbire la salsa di soia al tofu, ottenendo un'alternativa niente male al tofu affumicato già pronto a cubetti.

Assieme alla preparazione di cui sopra, si possono tagliuzzare i pomodori o aprire il barattolo della salsa, sminuzzare la mezza cipolla in una pentola, aggiungervi l'olio, accendere il fornello a fiamma bassa e, dopo circa 30 secondi che soffrigge, aggiungere i pomodorini o la salsa, aggiungere mezzo cucchiaino di sale, mescolare e tenere in cottura col coperchio.

Intanto un'altra pentola, più grande della precedente, può essere riempita d'acqua per metterci in cottura il riso e salare, anche qui mezzo cucchiaino di sale.

Dopo circa 10 minuti di cottura, al sughetto si aggiungono i cubetti di tofu, amalgamando il tutto e lasciando la fiamma bassa per altri 10 minuti al massimo.

Quando il riso ha raggiunto il grado di cottura desiderata, si scola, si rimette quindi nella sua pentola e vi si aggiunge il sughetto di tofu, assieme a una eventuale spruzzata di curcuma e pepe; quindi si mescola il tutto e si può impiattare, aggiungendo infine gli oramai soliti semi di chia.
Sono pressoché certo che si desidererà di fare il bis!

10 commenti:

  1. Prova anche il farro al posto del riso. E ovviamente sempre scalogno. 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il farro generalmente lo abbino con piselli o lenticchie, ma grazie del suggerimento.
      Sempre fan dello scalogno tu 😄, qua costa troppo e non si trova sfuso, quindi se poi non mi piacesse... 🙄

      Elimina
  2. Tofu?... Non credo di averlo mai mangiato...
    È simile alla tuma? Quella mi piace molto.... 🙂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tofu non è un formaggio, ma caglio pressato di semi di soia, che può essere variamente aromatizzato o meno prima di metterlo in vendita.
      Al naturale, o bianco, il tofu è pressoché insipido, ma torna utile per dargli il sapore che si desidera come spiego in questa ricetta.
      Il tofu aromatizzato può invece sostituire alcuni tipi di carne, magari abbinato a un contorno caldo o freddo.
      Come vedi affinità con la tuma non dovrebbero essercene, a parte il numero di lettere che compongono i loro nomi. 😅

      Elimina
    2. è una specie di jolly, in pratica... gli fai fare ciò che vuoi 😃

      Elimina
    3. Sostanzialmente sì. 😄

      Elimina
  3. Lo sai che ho imparato a seguire il tuo metodo della tazzina? Mi ci trovo bene.
    Comunque manderò questa ricetta a mia cognata che sta tentando la dieta vegetariana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualche giorno fa, per scrupolo "caso mai si esaurisce la batteria della bilancia" 😅, ho visto a quanto corrisponde più o meno una tazzina di riso, sono circa 55 grammi. Quindi credo si presti bene anche per dosare la pastina. 😊

      Elimina

Blogger ha modificato il modulo dei commenti rendendolo molto scomodo poiché dopo alcune righe scritte, non scorre più. Mi scuso per il disagio che non dipende da una mia scelta.