giovedì 24 giugno 2021

[Notizia] Motherhood, il cortometraggio sui maiali in gabbia


A sostegno dell'iniziativa End the cage agela regista olandese Eline Helena Schellekens e la montatrice Kate Morgan hanno realizzato un cortometraggio che mostra la maternità... in gabbia. Il cucciolo dipende totalmente dalla mamma, che è la sua fonte di nutrimento, il suo primo e unico riferimento al mondo, una fonte di calore e di amore.

Ci sono tenerezza e affetto nel vederli, ma i due possono manifestarlo solo nello spazio di un paio di metri quadrati, delimitato da sbarre di ferro. Perché lui è un maialino venuto al mondo da una scrofa prigioniera in un allevamento intensivo che, come tutte le sue simili, passa l’intera esistenza senza potersi muovere, con il solo compito di sfornare e allattare cuccioli che poi diventeranno adulti per essere trasformati in prosciutti e carne.

Un video/documentario con immagini dal punto di vista del suinetto, commissionato da Compassion in World Farming e diffuso alla vigilia della scorsa festa della mamma, per ribadire che si è mamme anche negli altri 364 giorni dell'anno, ma che sono ben poche le mamme del mondo animale che ricevono rispetto e dignità.

Olga Kikou, direttrice europea di Compassion in World Farming sottolinea che "Motherhood mostra come la maggior parte delle scrofe nell’UE vive la propria maternità. Sono animali altamente senzienti [...] ridotti a oggetti, mere unità di produzione confinate in un gabbia. La UE non può ignorare l’urgente necessità di eliminare gradualmente tutte le gabbie in Europa e garantire standard equivalenti di benessere animale anche sulle importazioni di carne, latticini e uova che entrano nel territorio europeo."

La protagonista del cortometraggio è una madre che non rinuncia a esserlo sebbene confinata in uno spazio ridotto che non le permette neppure di girarsi su se stessa, con i suoi suinetti che le si accucciano contro, attaccati alle sue mammelle, e che scambiano con lei affettuosi strusciamenti di muso. La regista aggiunge che "I maiali sono animali incredibilmente intelligenti, sensibili e curiosi, con grandi personalità."

10 commenti:

  1. per fortuna è solo un "corto"... ma anche così, se deve arrivare arriva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un cortometraggio ha più possibilità di essere veicolato e visto, impegna meno...

      Elimina
  2. Non ho capito come facciano ad accoppiarsi se le scrofe sono confinate lì dentro per tutta la vita?
    Le fanno uscire a comando per essere ingravidate? Brrrr. Che orrore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli accoppiamenti negli allevamenti intensivi? Nel caso dei maiali, quando la scrofa va in calore si osserva il suo atteggiamento (mentre è bloccata in una gabbia come quella in foto) avvicinandole un verro; in caso di reazione "positiva", è spostata in una gabbia isolata dove un operatore la insemina con una cannula. La scrofa resta lì 28 giorni affinché si accerti che è incinta.
      Dopo il parto, il maialino è allontanato dalla madre dopo massimo 30 giorni (in natura lo svezzamento avverrebbe al 4° mese), che è condotta nella gabbia precedente in attesa che vada di nuovo in calore.
      Se questo non è nazismo applicato al mondo animale...

      Elimina
    2. Mamma mia. Sembra un film horror.
      Speravo che almeno l'accoppiamento avvenisse in maniera naturale. Cioè come natura comanda...

      Elimina
    3. Macché... 😢
      La specie umana è capace delle più atroci cattiverie, ed essendone consapevole credo sia giustificato il mio disgusto quando da qualche vicino mi arrivano odori di arrosto o di ragù. 😖

      Elimina
  3. Il genere umano dimostra sempre più, la sua cattiveria.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina