lunedì 3 giugno 2019

[Notizia] Crudeltà premiata


Torno sull'argomento degli animali in gabbia negli allevamenti intensivi perché, dopo una buona notizia, ne è arrivata una quanto meno... antipatica a sentirla: pochi giorni fa, infatti, il Governo ha deciso di premiare con un finanziamento biennale di ben 5 milioni di euro tutti gli allevatori di suini, compresi quindi quelli che continuano a praticare il taglio sistematico della coda e dei testicoli degli animali, adoperando una lama incandescente e senza praticare alcuna anestesia.

L'amputazione della coda dei suini è una pratica crudele ma anche condannata dall'Unione Europea. Perché questa barbarie? Le ragioni dichiarate sono quanto meno discutibili: i maiali in gabbia si stressano e iniziano a praticare cannibalismo mordendosi le code, inoltre la presenza dei testicoli guasterebbe il sapore della carne.
È inaccettabile che soldi pubblici siano destinati senza alcuna condizione a un settore che per larghissima parte continua a infrangere le norme a tutela degli animali.

Dall'inizio del 2018, a seguito del richiamo della Commissione UE, il Ministero della Salute convocava un tavolo tecnico per definire un piano di miglioramento degli allevamenti che avrebbe permesso di fermare, una volta per tutte, questa pratica crudele. CIWF Italia fu invitata a partecipare, quale unica organizzazione di protezione animale. A distanza di poco tempo, però, la situazione si è drasticamente capovolta: dopo un iniziale coinvolgimento, il Ministero ha iniziato a modificare quanto concordato l’anno passato senza consultare l'organizzazione, mentre il Governo è arrivato addirittura a finanziare con soldi pubblici un settore che pratica barbarie inaudite.


Gli enormi interessi economici che muovono il sistema crudele dell'allevamento intensivo, spesso illegale e sprezzante della volontà di milioni di cittadini, però, non possono prevalere.

(Fonti: newsletter CIWF Italia, EssereAnimali)

8 commenti:

  1. La cosa dei coglioni... è da coglioni.
    Quella della coda la comprendo di più, se serve a non far ferire gli animali stessi...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I maiali si stressano perché stanno in gabbie, non si mordono le code per vizio.

      E le amputazioni andrebbero fatte senza anestesia a certe categorie umane, tipo i pedofili. Tra le fonti citate c'è un link da dove si può avviare un video, per rendersi meglio conto di quanto i macellai in realtà siano dei neonazisti.

      Elimina
    2. Sì, io parlavo già ammettendo che comunque le gabbie esistono, al di là del fatto che (ci) piaccia o meno...

      Moz-

      Elimina
    3. Li ha feriti già l'uomo, infatti.

      Elimina
  2. Tanti anni fa avevo un meraviglioso Schnauzer nero, Frida.
    Il veterinario ci convinse a tagliarle le orecchie e la coda, perché così andava fatto per la sua razza.
    Mamma mia che barbarie. E quanto soffrì.
    Tornando indietro non lo rifarei mai più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io per mesi tolsi il saluto a una famiglia che aveva un cane, credo un Corso Italiano (ho cercato su Internet e sembra lui), e dovevano tagliargli orecchie e coda per lo stesso motivo... Che significa "va fatto per la sua razza"? Se una razza non ha bisogno di determinate appendici od organi, li perde spontaneamente dopo progressiva atrofizzazione... A parte che lo stesso cane, con o senza le orecchie, si trasforma nell'aspetto...
      Comunque nell'episodio che ho raccontato, poi il cane visse con orecchie e coda ai propri posti, prevalse il buon senso. :)

      Elimina
  3. Non riesco a capire.
    Ho letto l’articolo su Essere Animali , fa riferimento al novembre 2017 .
    Poi è passata una legge dove gli allevamenti sarebbero stati “obbligati” a una autocertificazione di “qualità “ delle condizioni degli animali presenti.
    Cosa è successo dopo?
    Non è cambiato niente?
    E scusami una cosa ma al di là di essere Vegani vegetariani o carnivori credo che ( almeno per me) nessuno voglia vedere quello che succede ai quei suini nel video che documenta quelle crudeltà che devono subire.
    Non c’è la possibilità di intervenire direttamente “ attivamente “ per evitare che continuino con quelle violenze.
    Insomma che scendano in campo gli attivisti no?
    In pratica quello che non capisco è se ti lamenti dei soldi che il governo ha stanziato per quegli allevamenti o perché oltre ai soldi gli allevamenti continuano ad essere come quelli del 2017?
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fonte da cui ho tratto la notizia parla di "leggi" ma non ho trovato nulla di preciso a riguardo (tipo di legge, numero e data), per cui temo si sia andati con leggerezza sulla questione e più che "raccomandazioni" su come procedere, sia stato fatto ben poco.

      Sul vedere o meno dei filmati, non li pubblico mai direttamente qui per non urtare la sensibilità di qualche lettore, tuttavia credo farebbe bene rendersi conto di quanta sofferenza c'è dietro una succulenta bistecca o uno sfizioso hamburger.

      Mi lamento del fatto che tanta crudeltà non solo continua indisturbata ma riceve anche dei premi.

      Elimina