giovedì 2 aprile 2020

[Scheda] Farfalle e angeli... di mare


Gli animali che hanno imparato a volare nel cielo sono frutto di una evoluzione che ha riadattato i propri arti anteriori (uccelli, pipistrelli, ...), e questo è un fatto noto a tutti. Meno noto è il fatto che anche le lumache... volano!


Le lumache con le ali sono gli pteropodi (piedi alati, perché è dal loro piede col quale strisciano sulle superfici, che si sono sviluppate le ali).
Esistono due gruppi di lumache alate, al primo, quello dei Thecosomata, appartengono le farfalle di mare, che volano... in acqua: volano quindi restando sospese in acqua, vincendo la forza di gravità e il vincolo di essere ancorate alle due dimensioni.

Limacina Helicina, una Farfalla di mare

Siccome alcune specie di Thecosomata conservano la conchiglia, sarebbe più corretto definirle chiocciole e non lumache. La più diffusa è la Limacina Helicina, costituente fino al 50% dei mangiatori di plancton nel Mar Glaciale Artico dove vive. La conchiglia di queste farfalle di mare, di circa 1 cm, è trasparente e appare "ribaltata" rispetto alle chiocciole terrestri. La sopravvivenza di questa specie è a rischio a causa dell'acidificazione degli oceani dovuta all'aumento dell'anidride carbonica in atmosfera (tende a sciogliersi la loro conchiglia), con conseguente carenza di cibo per tutte le specie che si nutrono di mangiatori di plancton. 
Vivono in acque fredde perché più ricche di ossigeno.

Clione, un Angelo di mare

Al secondo gruppo, quello dei Gymnosomata (corpo nudo) appartengono gli angeli di mare, creature trasparenti prive di conchiglia, il cui piede è evoluto in due ali che battono velocemente consentendo loro scatti notevoli. A dispetto del nome, sono predatori specializzati su un solo tipo di preda: proprio le farfalle di mare. La fase di predazione ha un che di spaventoso ed è degno di un B-movie dell'orrore, pertanto non la riporto direttamente, ma ne rimando l'eventuale lettura al link citato come fonte.

Gli angeli di mare sfruttano quasi integralmente il carbonio e l'azoto delle loro prede, mentre le farfalle di mare compiono spassionatamente atti di cannibalismo nutrendosi dei giovani della loro stessa specie, quando scarseggiano le alghe che di consuetudine rappresentano la loro dieta.

(Fonte: Repubblica.it)

16 commenti:

  1. Ho visto come predano... Beh, sembra più qualcosa alieno-fantascientifica... anche come sono questi animali! Assurdi, mai visti in vita mia prima di adesso.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Negli abissi c'è una vita che sfugge alla nostra immaginazione. Cose che pensiamo appartenere ad altri mondi...

      Elimina
  2. quella della prima foto sembra Geppo *\0/*

    RispondiElimina
  3. Sembrano carine...chi è Geppo?
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Geppo è il diavolo buono dei fumetti. Mai visto?

      Elimina
    2. Si sì ricordo!’
      Una vita che non lo vedo più in giro!
      In effetti ci assomiglia 😀

      Elimina
    3. Non è più pubblicato, eccetto qualcosa in digitale e un paio di edizioni da libreria.

      Elimina
  4. Povera Limacina ....mangiata viva!
    E se le va male pure per ore.

    RispondiElimina
  5. Che siano lumache o farfalle, va detto che sono molto affascinanti.

    RispondiElimina
  6. La natura ci sorprende sempre.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  7. Incredibile, gli Angeli di mare, a dispetto del nome così tremendi nella fase di predazione. Complimenti un post molto interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considera che il nome glielo abbiamo dato noi umani, forse prima di scoprirne le abitudini.

      Elimina