lunedì 30 novembre 2020

[Petizione] In Cina wet market a go-go


Con l’aiuto di attivisti locali, Animal Equality ha raccolto testimonianze nel luogo in cui si ritiene che la pandemia abbia avuto inizio: la Cina. Gli investigatori hanno ritenuto che fosse molto importante monitorare la situazione dei wet market e capire se qualcosa fosse davvero cambiato, come hanno ripetutamente annunciato molti media dando credito alle notizie pervenute attraverso il filtro della dittatura cinese.

Il materiale raccolto rivela che la minaccia per la salute e la sicurezza pubblica continua e, nonostante i mesi terribili che hanno cambiato le nostre vite, questi mercati sono ancora aperti al pubblico, ricevono folle di persone e, peggio ancora, tutti i tipi di animali continuano a essere brutalmente venduti e uccisi!

E' stata quindi lanciata una petizione rivolta alle Nazioni Unite affinché questi mercati dell'orrore siano chiusi definitivamente! Nella pagina linkata è possibile leggere il contenuto integrale della richiesta avanzata.
Lo scenario documentato dagli investigatori di Animal Equality è agghiacciante:
  • Animali vivi e morti trasportati promiscuamente con veicoli che li espongono a sporcizia, smog e inquinamento, senza alcun tipo di controllo o supervisione.
  • In tali condizioni, i sistema immunitario degli animali cede, creando la combinazione perfetta per una catastrofe come la pandemia che stiamo affrontando.
  • Sulle medesime bancarelle avviene la vendita e l'uccisione di tartarughe, rane, anatre, oche, piccioni e pesci, riunendo specie che naturalmente non coesisterebbero mai, aumentando di conseguenza il rischio di trasmissione di malattie tra uomo e animale.
  • Gli animali continuano a essere uccisi da gente perfettamente cosciente che il loro sangue bagna ovunque, dando luogo a condizioni igienico-sanitarie pessime, oltre al fatto che i controlli di sicurezza sanitaria non esistono.
La Cina va fermata, a qualunque costo.

14 commenti:

  1. Tanto mo i chingchang stanno dicendo che il focolaio principale siamo stati noi italiani, quindi figurati... già se la sono scampata... e possono continuare con questi market che per me nel medioevo inglese erano più puliti.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi è per questo che ci mandarono uno staff di medici e vari aiuti mentre dall'Unione Europea non sapevano come raccapezzarsi? Gli facevamo pena?
      E' una nazione che andava sottoposta a sanzioni internazionali già quando esportava farmaci fasulli e giocattoli fatti con coloranti tossici (trascurando le aziende che hanno mandato in rovina col loro commercio in genere), e invece gli si è addirittura concesso di ospitare un'Olimpiade...

      Elimina
    2. Dicono che la colpa sia dei surgelati europei...

      Elimina
    3. Surgelati europei? E come la mettiamo coi prodotti fatti da loro ma che riportano un falso marchio CE che è attribuito soltanto se rispettano direttive comunitarie che la Cina bypassa spassionatamente?
      Da decenni la Cina si difende con chiacchiere cui abboccano popolo e politici, io rispondo con fatti documentati.

      Elimina
    4. Siamo alla mercè gente senza alcuno scrupolo, gli interessi economici prima di tutto:-(

      Elimina
    5. Il gioco è questo: se ti fai scrupoli non raggiungi il potere, quindi chi comanda e governa è in gran parte gente spregiudicata e avida. 😞

      Elimina
  2. Ecco la prova tangibile che l'uomo è così imbecille da non apprendere mai nulla dai propri errori.
    Altrimenti, questi osceni mercatini sarebbero stati chiusi definitivamente (e non solo sulla carta) già dalla prima ondata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Emerge un giro di soldi da paura, che sovrasta anche le priorità sanitarie di base, e sarà così anche per il vaccino! L'essere umano, aggregato in aziende o nazioni basate sul capitalismo, sa vendere pure la propria madre e i propri figli per ingozzarsi di profitto! Un vero schifo, di cui la Cina è tra i migliori rappresentanti vista l'impunita pandemia che ha scatenato.

      Elimina
  3. Se penso che le Nazioni Unite ignorano anche le petizioni sull'apologia di fascismo, mi figuro quanto gli rimbalzino i mercatini con gli animali cinesi... mettetevi l'anima in pace.. moriremo presto vittime della nostra idiozia, delle catastrofi, delle inondazioni, del riscaldamento globale e di fame.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva il coronavirus, anticorpo del pianeta Terra. 💪

      Elimina
  4. Questo post è tremendo per me, nel senso che mi ha fatto venire i brividi. Quando penso che in certi paesi mangiano anche i cani mi viene male...ce ne sarebbe tante da dire ma è meglio evitare, altrimenti sto male tutta la sera. Grazie comunque per il tuo post. Buona serata Gas.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io per primo vorrei condividere soltanto belle notizie relative ad animali e natura, ma purtroppo l'essere umano è prevalentemente "cattivo", specie se gode di manie di grandezza come il popolo cinese da vari anni a questa parte.

      Elimina
  5. Fatto ...ormai son abituato a firmare👍

    RispondiElimina