lunedì 8 marzo 2021

[Notizia] Tutti vegani contro la pandemia?


Inutile negarlo: se a parlare è qualcuno, più o meno competente in materia, resta comunque un'opinione; se a parlare sono i fatti, beh... sui numeri c'è poco da discutere!

Si chiama Veganuary l'iniziativa, lanciata nel 2014 con poco più di 3.000 adesioni, che invita a mangiare vegano per un mese, e che nell'edizione 2021 è stata un trionfo, con quasi 600.000 persone che, lo scorso gennaio, hanno eliminato animali e loro derivati dalla propria alimentazione. Probabilmente una parte di queste persone è stata influenzata da personaggi dello spettacolo che da tempo appoggiano il veganesimo (da Paul McCartney a Joaquin Phoenix), dal lato etico ma anche da quello della risposta immunitaria dell'organismo.
Quest'ultima sfaccettatura dello stile di vita vegano non può restare trascurata in un periodo di pandemia.

Il fatto che l'alimentazione sia alla base della funzionalità del sistema immunitario è un concetto ben chiaro alla gente, come emerge dai dati di vendita registrati nel settore biologico durante il lockdown del 2020, con un incremento del 279% nell'ultimo decennio, con particolare interesse verso cibi fermentati, frutta secca, semi di lino e bevande vegetali, guarda caso tutti alimenti vegani!
L'alimentazione vegana, riducendo generalmente l'apporto calorico a parità di nutrienti assimilati, protegge l'organismo da malattie cardio-vascolari, diabete e alcuni tumori. Come tutte le diete, tuttavia, va praticata diffidando da passaparola e fai da te, ma facendosi seguire da un nutrizionista per tenere a bada eventuali carenze di ferro, calcio, vitamine.

La partecipazione a Veganuary inizia registrandosi sull'apposito sito in qualunque momento dell'anno, e ricevendo quotidianamente consigli e ricette per affrontare la "sfida", che si rinnova ogni inizio di mese.

14 commenti:

  1. Non ho mai amato le diete, perché più mi si proibisce di mangiare una determinata cosa e più la desidero.
    Preferisco, dunque, auto-regolarmi, e mangiare un po' di tutto.
    Pur non amando molto carne e derivati del latte, non mi piacerebbe l'idea di dovermene privare completamente, ma ben venga a chi ci riesce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non saprei vivere senza la possibilità di mangiare un pochino di formaggio ogni tanto, ti capisco benissimo.
      Poi magari faccio il vegano per tre giorni di fila, ma perché capita, se me lo impongo poi sclero. Mi impegno a minimizzare il danno fatto agli animali, cercando di consumare meno derivati possibili.

      Elimina
    2. d'accordo con te Gas, che formaggi ti piacciono? :)

      Elimina
    3. Faccio prima a dirti quelli che non mi piacciono: molto piccanti e con i vermi (che tra l'altro sarebbe vietato vendere).

      Elimina
    4. sì, ricordo una volta Gerry Scotti che scherzava con Alvise Borghi in una puntata di Caduta libera, a proposito di una signora che una volta gli aveva regalato il formaggio sardo con i vermi, ma non volevano fare il suo nome per non inguaiarla :P

      Elimina
    5. Conoscendo Gerry l'avrà senz'altro mangiato lo stesso. 😅
      Dicono che sia un formaggio buonissimo ma non ci tengo a verificarlo. 😬

      Elimina
  2. La cosa strana è che ci sia bisogno di un nutrizionista a priori per la dieta vegana.
    Però effettivamente deve essere fatta con coscienza e non improvvisando.
    Io preferisco la classica dieta mediterranea...secondo me pure quella fa bene alla pandemia.
    Sono gli eccessi quelli da condannare.
    😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, una dieta equilibrata sarebbe la migliore prevenzione, purtroppo avendo a che fare con anticrittogamici, diserbanti, OGM, animali allevati in condizioni di stress, mangiamo anche veleni.
      Il nutrizionista è importante affinché la dieta vegana sia efficace.

      Elimina
  3. Ormai è praticamente ufficiale: qualunque medico sano di mente sconsiglia la carne rossa. Da bandire assolutamente. Io un filetto ogni tanto, però, continuo a spararmelo, ma sto diventando molto salutista ed equilibrato. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sosteneva Umberto Veronesi in tempi di pace: la carne rossa cotta è cancerogena.
      Tempo fa pubblicai questa infografica interessante.

      Elimina
  4. Posso dire? Che bello vedere una volta tanto vegan* e non vegan* andare tranquillamente daccordo senza imputare l'un* all'altr* i mali del mondo 😊 Purtroppo in rete non càpita spesso e difatti questo è un argomento che pubblicamente (in rete) io non tocco mai. Nonostante sia vegano da diversi anni. Mio marito è onnivoro e, guarda un po'?, andiamo d'amore e d'accordo. Non è difficile, se si vuole. Un abbraccio 💕

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo io oramai non saprei dividere casa con una persona che mangia carne, pesce, salumi. 😕
      Con tutti quegli asterischi sembra che mandi bacetti a chi ti legge 😂, io sono cresciuto con gli sms dove i baci si indicavano con un *!
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  5. Vegana per scelta etica da, aspetta che li conto, sette anni, dopo due e mezzo da vegetariana. Mi è bastato sentire un paio di racconti, e mi sono chiesta perché non mi fossi mai fermata a riflettere prima. Nonostante la mia scelta sia stata etica, apprezzo moltissimo i benefici che ne derivano dal punto di vista fisico. Tra l'altro adesso, da un po' di anni, reperire alternative vegane ai formaggi e agli affettati o dei secondi pronti è molto facile, io prediligo l'uso di legumi, ma alternative veloci e saporite ne esistono tantissime.
    Un abbraccio a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la tua testimonianza.
      Sebbene in linea generale sia "soltanto" vegetariano, la maggior parte dei miei pasti sono spontaneamente vegani.
      Uso molto i legumi anche io e togliendo la carne dalla mia dieta ho aggiunto molti ortaggi che prima non assaggiavo nemmeno.

      Elimina