lunedì 12 luglio 2021

[Notizia] Coronavirus: per chi propende sull'origine in laboratorio...


L'articolo di oggi vuole essere una risposta, sparata sui denti, a chi continua a sostenere l'ipotesi dell'origine in laboratorio del covid-19.
Sarebbero quindi generati in laboratorio anche i virus di sars, ebola, febbre suina, influenza aviaria? Abbiamo cioè, alla luce del sole, delle fabbriche di virus che ogni tot anni... "Ops, m'è sfuggito il virus!"? Siamo seri, e smettiamo di proteggere dalle sue vere responsabilità una nazione che, tra le altre cose, ha proseguito indisturbati i mercati di animali vivi macellati a richiesta sul posto nonché celebrato il festival della carne di cane! Sto parlando, chiaramente, della sporca Cina.

Forse è il momento di tornare a una qualche normalità, ma è anche il momento di porsi delle domande e pretendere risposte. Da chi? Dai nostri politici, direi!
I fatti dimostrano che il 70% di tutte le malattie infettive emergenti provengono da animali, e tanti animali ammassati in spazi ristretti, oltre a subire atroci trattamenti, sono l’ambiente ideale per il proliferare dei virus, compresi i coronavirus e i virus dell’influenza. Si tratta di una verità scientifica che i politici non vogliono affrontare né combattere nell'interesse dei cittadini.
Finché non sarà fermata la vera industria dei virus, vale a dire gli allevamenti intensivi e ogni attività commerciale che comporta condizioni contro natura per gli animali, non potremo dirci al sicuro da nuove epidemie.

Ma avviciniamoci al nostro "orticello" perché Unione Europea e Governo Italiano non vogliono affrontare la cruda verità. La prova di questo è il fatto che, mentre fronteggiano le conseguenze della pandemia, non agiscono concretamente contro il Sistema degli allevamenti intensivi, una vera e propria mafia che anzi continuano a sostenere l'espansione di questi allevamenti con fondi pubblici, vale a dire con le nostre tasse.

La nuova PAC (Politica agricola comune dell'Unione Europea) sta confermando i finanziamenti per gli allevamenti intensivi in tutta Italia e il sistema che li alimenta. Anche in Lombardia, la regione più colpita dalla pandemia dove, non a caso, c’è il maggior numero di animali allevati in Italia: 4,3 milioni di maiali e 1,3 milioni di bovini, vale a dire quasi 6 milioni di esseri viventi senzienti stipati in capannoni tutelati dalla legge! 

Inoltre per i mangimi di questi animali, i Governi Europei permettono l'importazione di soia coltivata deforestando ogni giorno chilometri di foreste come quella Amazzonica, e causando squilibri devastanti, che alimentano la crisi climatica e i rischi di nuove zoonosi sottraendo habitat alle specie selvatiche.

Non è uno scenario apocalittico ma la realtà di quello che succede indisturbato da anni, anche mentre un tuo familiare era in terapia intensiva per covid-19, anche adesso che stai leggendo.

Allevamenti intensivi, deforestazione e inquinamento sono gli ingranaggi del sistema di produzione industriale del nostro cibo, che devasta gli equilibri della natura. 
Se questa pandemia è servita a qualcosa, forse è stato dimostrare che non siamo superiori alle regole della Natura: dal benessere animale e dalla protezione degli habitat naturali dipende la salute di tutti noi.

(Articolo ispirato dalla newsletter di Federica Ferrario, Campagna Agricoltura Greenpeace Italia)

6 commenti:

  1. D'accordo su tutto, ma è il mondo intero ad avere e "coltivare" responsabilità feroci. Buttare la croce solo sulla Cina, non sarebbe neanche giusto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Cina, indifferente ai casini in corso, anche ammesso che non siano unici responsabili, ha riaperto i mercati di selvatici vivi. Eccome se ci do addosso!
      E non dimentico l'esportazione di farmaci contraffatti e di giocattoli realizzati con coloranti tossici, reati per i quali è tutt'ora impunita.

      Elimina
  2. Bisogna intervenire presto, possono nascere virus ben peggiori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare che stiamo andando in tutt'altra direzione: tutte le restrizioni attuate senza chiudere e smantellare gli allevamenti hanno funzionato come uno svuotare la vasca senza chiudere il rubinetto.

      Elimina
  3. Non credo all'ipotesi del virus da laboratorio, ma il disastro ambientale per i complottisti forse non esiste?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I complottisti sono essenzialmente ridicoli, non credo si interessino di ambiente.

      Elimina