mercoledì 23 novembre 2016

[Infografica] Un orribile spettacolo "Made in China"

Questo succede ogni anno in Cina in occasione del "Festival della carne di cane", noto anche come "Yulin Festival"! Due donne che comprano la vita dei cani per salvarli da un martirio, e che devono subire gli insulti e le minacce dei propri simili per aver sottratto loro il divertimento!

Posso assicurare che le vicende raccontate in questo articolo sono leggere e a lieto fine, ma una semplicissima ricerca di "Yulin Festival" con Google porta a scenari ben più atroci: poveri animali sottomessi, torturati, umiliati innanzi agli occhi compiaciuti di sporchi musi gialli che si definiscono "esseri umani" (non sono io a fare il razzista, sono i cinesi a non meritare il mio rispetto), che hanno avuto la faccia tosta di candidarsi per ospitare una Olimpiade (e l'hanno pure ottenuta!), che continuano a esportare merci contraffatte danneggiando l'economia mondiale... indisturbati!
Non pretendo di risolvere le questioni economico/commerciali partendo da questo blog, perché non ne avrei le competenze ma soltanto un inappagato senso di giustizia verso esseri viventi maltrattati (per usare un eufemismo) la cui unica colpa è essere nati cani in terra cinese.
Posso provare, per lo meno, a sensibilizzare in maniera forte chi è dotato di un briciolo di umanità e sentimento, affinché boicotti, almeno nel suo piccolo, la Cina per questa barbarie perpetrata ogni anno indisturbata, in barba alle varie petizioni lanciate dal web, che in altri casi sortiscono qualche effetto.

4 commenti:

  1. Ti amo.
    Un post pieno di cattiveria e razzismo spiccio, come piace a me.
    Io penso una cosa: ogni popolo ha le sue abitudini e come noi magiamo pollo, coniglio e maiale (che maltrattiamo e uccidiamo in modi altrettanto atroci) loro hanno i cani.
    Il problema è che PRENDONO anche i cani di privati, pur di mangiarli.
    Ecco, io faei un festival dove si torturano questi stronzi qui :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il paragone con le abitudini alimentari "nostre" ci può stare, certo... Sono diventato vegetariano, anzi felicemente vegetariano, da alcuni anni, grazie alla consapevolezza di come vengono trattati in vita gli animali destinati alla macellazione, senza entrare neppure nel merito di come vengono poi uccisi.
      Non è questo che mi autorizza a insultare i cinesi, non sono io a salire sul piedistallo del razzista, sono loro a non compiere, da almeno un decennio, qualcosa che li renda degni del mio rispetto: non vogliamo parlare di Yulin, allora parliamo della persecuzione dei monaci buddisti, o dei massacri di studenti in piazza Tienanmen...
      Qui però si parla di animali, e c'è un motivo "in topic" per vomitargli addosso tutto il mio astio per la loro prepotenza internazionale. Per me la Cina è pure peggio dell'ISIS in quanto subdolamente è entrata nella nostra economia, facendo fallire aziende e aprendo attività commerciali sotto casa nostra in piena legalità! Tu poi resti senza lavoro grazie a loro e il pantalone nuovo lo compri da loro perché oltre a vestirti devi anche mangiare, magari un prodotto dell'UE e non made in Italy perché lo vai a pagare meno... Quindi danneggi, indirettamente, anche le aziende italiane.

      Un cane non è "migliore" di un pollo o di un coniglio, è l'essere umano a rendersi "peggiore" con i suoi stessi atti... :(

      Elimina
    2. Su questo siamo d'accordissimo, la vedo allo stesso modo.
      Non sono vegetariano, anzi.
      Credo anche che non si possa nemmeno esserlo del tutto, per molti motivi. Però ecco, so bene che ci sono anche in Italia allevamenti-lager e industrie alimentari orribili.

      Moz-

      Elimina
    3. Se non l'ho già fatto, tratterò anche dei nostri "pregiati" allevamenti, certo.

      Elimina